F.A.Q. - Frequently Asked Questions

F A Q
(Frequently Asked Questions)
 
Chi è A.F.Ma.L.
A.F.Ma.L. "Associazione con i Fatebenefratelli per i malati lontani" è un'organizzazione non governativa italiana fondata nel 1979.
A.F.Ma.L. è un'Associazione ufficialmente riconosciuta dal Ministro Affari Esteri come ONG (Organizzazione Non Governativa per la Cooperazione e lo Sviluppo) - ai sensi della Legge 26.02.1987 n. 49, ed è anche una ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità sociale) - ai sensi del D. Lgs. 4.12.1997 n. 460.
A.F.Ma.L. è anche iscritta nell'Elenco Nazionale del Dipartimento della Protezione Civile, nell'albo nazionale degli enti di servizio civile nazionale.
A.F.Ma.L. è patrocinata e supportata nelle sue attività dall'Ordine ospedaliero di San Giovanni di Dio detto in Italia Fatebenefratelli.
A.F.Ma.L. è impegnata a promuovere l'autosviluppo delle popolazioni del Sud del Mondo mediante la realizzazione di programmi idonei a migliorare la qualità e l'efficienza dei servizi sociali e sanitari locali e con attività di sensibilizzazione anche in Italia sui problemi del sottosviluppo, della fame, della salute, dell'emarginazione.
 
I valori a cui ci ispiriamo
Per la formulazione e la realizzazione dei progetti di cooperazione, siano essi umanitari, di riabilitazione o di sviluppo, A.F.Ma.L. adotta un Codice di Condotta coerente con la propria Mission e i propri valori.
A.F.Ma.L., ispirandosi alle finalità dell'Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio, aderisce alla filosofia dell'Ordine Ospedaliero di cui è parte integrante.
Il carisma dell'Ospitalità è la sintesi espressiva dell'Ordine e la sua stessa ragion d'essere.
In particolare espressa nel seguente decalogo:
 
  1. Le persone assistite nelle nostre Istituzioni devono sentirsi i beneficiari di ogni nostra attività.
  2. Le nostre Istituzioni sono a servizio di tutti coloro che ne abbiano bisogno, senza discriminazioni di fede, di razza, di cultura o di militanza politica.
  3. Le nostre Istituzioni devono distinguersi per competenza professionale, giustizia sociale e solidarietà con tutti gli uomini, specie i più emarginati.
  4. Il nostro modello assistenziale deve garantire una assistenza integrale, conciliando progresso tecnico ed umanizzazione delle terapie.
  5. Particolare cura verrà data alla formazione e all'aggiornamento dei collaboratori, in modo da garantire la costante qualità dell'assistenza tecnica e umana.
  6. I nostri Centri si ispirano alla fede cattolica e ogni attività assistenziale dovrà essere conforme ai principi etici e agli insegnamenti della Chiesa
  7. Pur nel rispetto delle convinzioni individuali, deve essere garantita assistenza religiosa a tutti i beneficiari delle nostre attività.
  8. Le relazioni con tutti gli operatori sanitari delle nostre Istituzioni intendono non solo rispettare le norme del diritto del lavoro, ma costituirne possibilmente un'alleanza nel carisma di S. Giovanni di Dio, e anche, ove ritenuto liberamente, condividerne la spiritualità.
  9. Le nostre Istituzioni sono aperte alla collaborazione con enti civili e religiosi che perseguano analoghe finalità, specie se destinate ai settori sociali più abbandonati.
  10. Un appoggio verrà dato anche alle attività di volontariato e alle iniziative per l'aiuto delle Missioni e ai paesi in via di sviluppo, rispondendo per quanto possibile alle istanze e ai bisogni sanitari e assistenziali.
Per quanto relativo alle azioni umanitarie finalizzate al superamento di emergenze complesse, A.F.Ma.L. aderisce al Codice di Condotta elaborato dal Comitato Internazionale della Croce Rossa, che afferma, tra gli altri, i seguenti principi: diritto universale all'assistenza umanitaria, senza limitazioni legate all'ideologia, alla religione, alla razza, al sesso o ad altre considerazioni; autonomia politica ed operativa degli interventi affinché questi non finiscano con il sostenere, soprattutto in situazioni di conflitto, una particolare fazione; rispetto dei diritti della persona, così come sono definiti nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo.
 
Che tipo di attività realizza A.F.Ma.L. all'estero?
A.F.Ma.L. interviene nel Sud del Mondo realizzando interventi di sviluppo e di emergenza in Africa, America Latina, Asia e Europa. In trent'anni di attività A.F.Ma.L. ha realizzato circa 150 interventi di sviluppo e di emergenza in più di 50 paesi impiegando 1.500 operatori locali e assicurando beneficio concreto a 30 milioni di persone.
Queste le 7 principali aree di intervento:
  • Assistenza umanitaria
  • Prevenzione e tutela della Salute
  • Diritti Umani
  • Sostegno a Distanza
  • Formazione professionale
  • Istruzione
  • Interventi di Emergenza, Riabilitazione e Ricostruzione
     
    Prima di ideare e realizzare un progetto A.F.Ma.L. coinvolge sempre i partner e le popolazioni locali per ascoltarne i bisogni e concordare con loro la strategia migliore da attuare.
      
    Come vengono finanziati i progetti di A.F.Ma.L. nel sud del mondo?
    I progetti di A.F.Ma.L. sono finanziati da donatori istituzionali quali l'Unione Europea, il Ministero degli Affari Esteri, le Nazioni Unite e le sue agenzie, alcune fondazioni.
    A.F.Ma.L. riceve un fondamentale contributo anche da donatori privati, famiglie, individui e aziende, che rappresentano un prezioso aiuto per l'associazione e per i progetti del Sud del Mondo.
    I fondi sono gestiti con la massima efficienza e trasparenza e il bilancio è certificato da revisori contabili.
     
    Che tipo di attività realizza A.F.Ma.L. in Italia
    A.F.Ma.L. in Italia si impegna a far conoscere le cause reali della povertà, delle guerre, dell'emarginazione sociale e a condividere le modalità con cui individua le soluzioni più adeguate a tali problematiche.
    Per questo, grazie alle sezioni locali e con il sostegno di centinaia di volontari, A.F.Ma.L. organizza in tutta Italia iniziative di sensibilizzazione e di educazione allo sviluppo e promuove lo scambio culturale.
    Organizza piccoli eventi di raccolta fondi, di carattere locale o nazionale, come cene di beneficenza, feste da ballo, sfilate di moda, feste di gala, aste, eventi sportivi, visite museali, eventi musicali, eventi teatrali.
     
    Perché A.F.Ma.L. fa raccolta fondi da privati
    A.F.Ma.L. crede che le donazioni pervenute dai soggetti privati rappresentino un contributo fondamentale per l'implementazione dei progetti che realizza nel Sud del Mondo.
    Grazie alle donazioni da privati, infatti, A.F.Ma.L. può garantire la propria autonomia finanziaria e realizzare i progetti in maniera autonoma.
     
    Chi fa una donazione, può scegliere su quale progetto destinare la cifra donata?
    Si, il donatore può scegliere liberamente di destinare la sua offerta al progetto che preferisce.
     
    Come vengono utilizzati i fondi raccolti
    A.F.Ma.L. destina ai beneficiari la maggior parte dei fondi raccolti. Nel 2011, i costi di gestione e amministrativi per le attività in Italia sono stati pari al 18% del totale: tutto il resto dei fondi, ben l'82%, è stato destinato alle attività nel Sud del Mondo. Per la crescita e lo sviluppo delle comunità locali ogni euro è fondamentale. Per questo A.F.Ma.L. conferisce particolare importanza all'attenta gestione dei fondi e ha adottato precise politiche volte alla trasparenza e all'efficienza amministrativa. Il nostro bilancio è sottoposto ad attenti controlli da parte di organi preposti (controlli interni, esterni e legislativi), oltre ad analizzare la gestione patrimoniale, fornisce un rendiconto sulla attività economica.
      
    Chi fa una donazione può usufruire dei benefici previsti dalla legge?
    Si, il donatore può usufruire dei benefici fiscali previsti dalla legge.
    Poiché A.F.Ma.L. è una ONG - Organizzazione Non Governativa riconosciuta idonea ai sensi delle legge n. 49 del 26/02/1987 - ma anche una ONLUS - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ai sensi del D. Lgs. N. 460/97 - chi effettua una donazione può decidere liberamente il trattamento fiscale di cui beneficiare. A seconda della normativa applicata alla donazione, le agevolazioni previste sono infatti differenti.
    Se si sceglie il regime fiscale in vigore per le ONLUS, i privati possono:
  • dedurre la donazione dal proprio reddito per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato, nella misura massima di 70.000 euro annui (art. 14, comma 1 del D.L. 35/05 convertito in legge n. 80 del 14/05/2005);
  • detrarre dall'imposta lorda il 19% dell'importo donato fino ad un massimo si 2.065,83 euro (art. 15, comma 1 lettera i-bis del D.P.R. 917/86).
     
    Se invece si sceglie il regime fiscale previsto per le ONG, i privati possono:
  • dedurre la donazione dal proprio reddito per un importo non superiore al 2% del reddito complessivo dichiarato (art. 10, comma 1 lettera g del D.P.R. 917/86).
     
    Chi fa una donazione può ricevere un attestato che certifica l'avvenuta ricezione del contributo donato?
    Si, A.F.Ma.L. rilascia sempre, anche per le piccole donazioni, una certificazione dell'avvenuta ricezione del contributo donato.

    A.F.Ma.L ricorda che per poter usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalla legge, è sufficiente che, al momento della dichiarazione dei redditi, il donatore alleghi la ricevuta della donazione (ricevuta di versamento in caso di donazione con bollettino postale, e/o conto bancario in caso di donazione con bonifico, e/c della carta di credito in caso di donazione con carta di credito, fotocopia dell'assegno).

     Com'è possibile sostenere A.F.Ma.L
    Le donazioni possono essere fatte:
     
  • ON LINE

     Con carta di credito dal sito www.afmal.org, su questa pagina

  • IN BANCA 

      Banca Nazionale del Lavoro - IBAN IT 86 L 01005 03340 000000001770  Intestato a A.F.Ma.L.

  • IN POSTA

 

      C/C postale n. 16767006  Intestato a A.F.Ma.L.

  •   CON ASSEGNO

   Intestato a A.F.Ma.L. da inviare in busta chiusa a: A.F.Ma.L. - Centro Direzionale Fatebenefratelli -         

   via Cassia 600, 00189 Roma. 

  • 5 PER MILLE

Indicando il codice fiscale di A.F.Ma.L. n. 03818710588 in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi (Modello 730/1 bis; Unico e Cud).

 
A.F.Ma.L. ha progetti di sostegno a distanza?
Si, in Asia l'A.F.Ma.L. ha progetti di sostegno a distanza ed opera dando la priorità agli interventi a favore delle fasce sociali più vulnerabili, che vivono ai margini o al di sotto della soglia di povertà, o risultano prive di diritti fondamentali.
 
Posso destinare un lascito all'organizzazione?
Si, è possibile destinare ad A.F.Ma.L. anche solo una piccola parte dei propri beni. Il lascito è uno dei tanti aiuti da parte dei nostri donatori per portare avanti gli aiuti nel Sud del mondo.
Il lascito testamentario ad una istituzione legalmente riconosciuta è esente da imposta di successione: il lascito viene sottratto dal valore netto delle proprietà nel calcolo dell'esatto ammontare delle imposte. Nel caso in cui non ci siano parenti e decidi di donare i tuoi beni ad un ente benefico di rilevanza sociale, impedisci che il patrimonio finisca allo Stato.